Parlarne poco può creare disagio!

Devo riconoscerlo, mi hanno stupito un’altra volta!
Durante l’audizione dell’assessore  in Commissione Sanità sul DL 382  sulla variazione di bilancio per l’esercizio finanziario 2016, compare all’improvviso un emendamento ( per un impegno di spesa di 90 milioni di euro) che di fatto istituisce il servizio di elisoccorso ed eliambulanza della regione Sardegna. Il servizio di elisoccorso è un servizio auspicato da tutti e un tassello fondamentale della riforma del servizio sanitario regionale, un servizio che aspettiamo da 17 anni ( la Sardegna è l’unica regione che non ha servizio di elisoccorso ma solo una convenzione con i vigili del fuoco che copre operativamente una porzione molto limitata del suo territorio) e relegare la sua istituzione ad un emendamento aggiuntivo motivandolo con la fretta di doverlo far nascere mi ha spiazzato. Un emendamento… quattro righe, e il gioco è fatto!

Un argomento che incide sui livelli essenziali di assistenza e sul bisogno di tutela della salute non penso debba essere liquidato con un emendamento aggiuntivo… sa di colpo di mano!

Ma non solo: da almeno due anni, noi del Partito dei Sardi, continuiamo a dire che il 70 % della operatività della base di Alghero è sul mare (foto) e cosa andiamo ad immaginare? Altre due basi sul mare…. così invece che una sono tre basi che hanno l’operatività per più del 50% in mare (significa buttare in mare milioni di euro) .

img_0027

E, come se non bastasse: mentre le linee guida nazionali e la conferenza stato-regioni raccomandano la copertura del servizio nell’ambito di un tempo di volo non superiore ai 20 minuti… buona parte del Nuorese e Oristano sono fuori dalla copertura dei 20 minuti e alcune parti fuori dai 25 minuti. Stiamo continuando ad immaginare la Sardegna con le zone interne e l’Oristanese a margine degli interessi prevalenti del nord e del sud dell’Isola?

Le basi a mare sono preferibili per i piloti per un migliore accesso? E i piloti del Trentino, della Lombardia, del Piemonte e della valle d’Aosta come hanno fatto sino ad oggi?

L’elisoccorso è un argomento fondamentale per la riorganizzazione del nostro servizio sanitario regionale e dato che il futuro DG dell’AREUS deve poter dire la sua nella organizzazione del sistema emergenza urgenza, diventa poco comprensibile il ritardo della sua nomina.

Be the first to comment on "Parlarne poco può creare disagio!"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*