Dragaggio del Temo: un problema indifferibile

Nella discussione della legge finanziaria che a dicembre entrerà in Aula sarà riproposto l’emendamento sul dragaggio del fiume Temo nel tratto che insiste nella citta di Bosa.

Nella finanziaria 2016 avevo presentato un emendamento di oltre 1 milione di euro, bocciato dall’aula per un solo voto, ma seguiti dall’impegno dell’esecutivo e del vicepresidente Paci a trovare i fondi per finanziare il dragaggio quale opera fondamentale per la salvaguardia idraulica della città di Bosa.

Ho ripresentato un emendamento che impegna l’esecutivo per 1,5 milioni di euro, ma non ho interrotto le interlocuzioni sia con la giunta, che si è subito dichiarata disponibile a risolvere il problema in tempi brevi, sia con l’assessorato ai lavori pubblici e con i tecnici del genio civile. È indispensabile arrivare al più presto alla risoluzione di questo grave problema che riguarda tutta la città di Bosa, ormai a rischio di inondazione e, in particolare, coloro di che vivono il fiume, la cui navigabilità è divenuta estremamente difficoltosa. Sono pronto a discutere qualsiasi soluzione che comporti un immediato finanziamento, ma non intendo recedere e non accetto rinvii su un problema di tutela di una città che attende da più di vent’anni un intervento di manutenzione del fiume.

Augusto Cherchi, Consigliere del Partito dei Sardi

Be the first to comment on "Dragaggio del Temo: un problema indifferibile"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*