Se un uomo libero si comporta da schiavo, perché si lamenta quando viene trattato da schiavo?

In sanità la regione Sardegna ha potestà esclusiva, quindi la rete ospedaliera va approvata e applicata senza nulla chiedere ad altri. Se ci comportiamo da sottoposti anche quando non dovremmo, perché lamentarsi della risposta?

Il Ministero della Salute ha fatto l’unica cosa che doveva fare: dare risposte a chi le domande le ha poste, nello specifico all’ assessore della sanità che, ripetiamo, a nostro parere doveva solo comunicare l’avventura approvazione della rete e non chiedere pareri.

Al ministro, che risponde sui nostri Livelli Essenziali di Assistenza, ricordo che lo stato italiano non monitorizza i LEA in Sardegna dal 2009: come potrebbe quindi esprimersi sui nostri LEA? .

Durante la discussione sulla nostra rete ospedaliera ho chiesto con forza che il DM/70 fosse solo uno strumento di riferimento ma non la giuda per programmare la nostra rete ospedaliera.

Assessore,  per l’ennesima volta le dico: applichi  la rete ospedaliera; invii  ai direttori generali delle ASL le linee di indirizzo affinché modifichino gli atti aziendali che, ad oggi, continuano ad operare avendo come riferimento una rete ospedaliera peggiorativa rispetto al modello voluto e votato dal Consiglio.

Assessore non indugi. Sia padrone e non succube. Per una volta veda la sua Terra come la sua Nazione e vedrà che tutto sarà più semplice.

On. Augusto Cherchi

Be the first to comment on "Se un uomo libero si comporta da schiavo, perché si lamenta quando viene trattato da schiavo?"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*